Metabolismo lento: i sintomi, le cause e i rimedi

Il metabolismo lento è il rallentamento delle funzioni necessarie al corpo per bruciare e produrre energia, essenziali per sopravvivere. Ecco quali sono le cause, i sintomi e i rimedi per velocizzarlo.

Con il termine metabolismo lento si intende il rallentamento delle funzioni necessarie al corpo per bruciare e produrre energia, essenziali per sopravvivere. Il metabolismo si distingue in basale e intermedio: il primo è quello che produce l’energia necessaria per l’organismo a riposo e che quindi garantisce le funzioni cardiache, respiratorie e omeostatiche; il secondo è quello che sintetizza le molecole che assumiamo con l’alimentazione, responsabile dunque dei chili di troppo. Ecco quali sono i sintomi, le cause e i rimedi per combattere il metabolismo lento.

Sintomi
Il metabolismo lento porta con sé una serie di sintomi ben precisi, che vanno oltre la tendenza ad ingrassare con facilità e alla difficoltà nel perdere i chili di troppo. Per riconoscere un disturbo simile è molto semplice. Innanzitutto, si viene colpiti da un senso di fatica in ogni momento della giornata, si soffre di pressione bassa e di sudorazione eccessiva. Come se non bastasse, la sensibilità al freddo aumenta, l’intestino diventa pigro, causando gonfiore, stitichezza, dolori addominali, e la pelle e i capelli diventano più secchi. Naturalmente, se si pensa di soffrire di un disturbo simile, sarebbe meglio richiedere un consulto medico, così da capire qual è la cura ideale per limitare i possibili danni.

Cause
Spesso il metabolismo lento viene considerato la causa principale del sovrappeso, ma in realtà questa affermazione è decisamente poco credibile. A meno che non ci siano delle disfunzioni ormonali, il metabolismo varia poco da persona a persona ed è una conseguenza del soprappeso e non la sua causa. Quando si segue una dieta ferrea per molto tempo, il corpo si abitua a ricevere poca energia e inevitabilmente il metabolismo rallenta, rendendo vani dunque tutti i sacrifici fatti. A provocare un disturbo simile possono essere diversi fattori, primo tra tutti la vita sedentaria. Il metabolismo viene stimolato quando si fa attività fisica ma, quando si sta seduti dalla mattina alla sera, rallenta in modo drastico. Anche il sesso e l’età dell’individuo influiscono sul metabolismo. Gli uomini, avendo una massa muscolare maggiore, ne soffrono meno, anche se il metabolismo delle donne aumenta moltissimo in gravidanza man mano che si va avanti con la gestazione. Come se non bastasse, rimane molto veloce fino ai 30 anni, quando comincia a rallentare gradualmente, fino ad ad arrivare ai 60 anni, quando subisce una brusca frenata. Quando il sesso femminile entra in menopausa, comincerà inoltre a soffrire di metabolismo lento poiché l’attività della tiroide e la produzione di ormoni calerà radicalmente. Come ultima cosa, anche lo stress può incidere sulle proprie funzioni corporee poiché porta a mangiare alimenti sbagliati per nervosismo. La cosa è assolutamente sbagliata poiché non stimola il corretto funzionamento del metabolismo.